CHI SONO?

Mi chiamo Fabrizio ed abito in provincia di Ancona. Se volete sapere altro date un'occhiata al mio profilo o rivolgetevi al SISMI. Fatta eccezione per alcune immagini ed i testi di canzoni, il resto dei contenuti è opera mia, poesie comprese. Ho scoperto che alcune di queste sono state riportate su altri blog e siti web, la qual cosa mi fa molto piacere. Vi prego solamente di indicare la fonte ed il mio nick quando lo fate, grazie :)

CREDITS

MUSIC CORNER

A volte capita che mi odio

lunedì, marzo 17, 2008

[BGM: Stina Nordenstam - Little Star ]



A volte capita che mi odio. E spesso senza alcun motivo logico e razionale.
Capita che mi odio, ad esempio, se ripenso che ho allontanato una persona dalla mia vita perché sono stato onesto con lei, e non potevo nasconderle di non essere innamorato. Ed è inutile che la razionalità stia lì a spiegarmi che ho fatto la cosa giusta, che sono stato chiaro ed onesto, che non dirle niente e continuare a frequentarla sarebbe stata una mossa egoista e vigliacca. E’ inutile, perché in queste circostanze mi odio non per quello che ho fatto, ma per quello che NON ho fatto. O meglio, per quello che non sono stato in grado di fare. Nello specifico: innamorarmi di lei.
E di nuovo la razionalità, inutilmente, a sottolineare che non ci sono bottoni on/off da premere per innamorarsi, che l’amore non si può accendere a comando come non si può scegliere la direzione del vento che soffia. Motivazioni valide, sono d’accordo. Ma inutili. Perché fintanto che avrò lettere come questa, continuerò ad odiarmi. Non sempre, e neanche spesso.
Soltanto a volte.

“Non chiedermi perché ti sto scrivendo, non lo so neanch’io.
Di solito scrivo per me, soltanto per me, riorganizzo i miei pensieri, riesco a dar forma alle nebulose che ogni tanto affollano la mia mente…
Stasera avrei dato qualunque cosa per passare un po’ di tempo con te. Non credere che ora te ne voglia per aver avuto i tuoi impegni, capisco perfettamente.
Ti avrei raccontato un sacco di cose, o semplicemente sarei rimasta in silenzio ad ascoltarti, mi piace un casino ascoltarti parlare di tutto, guardarti mentre guidi e non distogli un attimo gli occhi dalla strada.
Mi piaci; mi piace quello che succede quando siamo insieme, quando si annullano tutti i rumori di fondo e rimaniamo solo noi, e le tue parole, ed una voce dentro di me che si chiede dove sei rimasto nascosto fino ad ora…
Vorrei fare tante di quelle cose con te… Quelle cose piccole piccole che ti regalano il mondo e che ti fanno solletico nello stomaco e ti ricordano che adesso sei vivo, più vivo che mai!

Giuro che non ho la minima idea di quello che puoi pensare di me, non riesco proprio a capire se un giorno potrai mai innamorarti di me… So che ti sto scrivendo queste cose perché le sento profondamente e perché so che incontreranno uno spirito dolce e gentile che comunque le apprezzerà.
Questo in te è disarmante: la delicatezza del tuo spirito, che pure è in perfetto equilibrio con la solidità del tuo essere, così rassicurante. Ed ora che ho incontrato qualcosa di così bello vorrei avere il tempo di soffermarmi per conoscerne le tante sfaccettature, anche le più spigolose…
E invece, ironia della sorte, devo allontanarmi un po’. E non ti nascondo che un po’ di paura adesso c’è anche per questo, la paura di perdere momenti preziosi per dare tutto quello che vorrei.
Spero che mi resti vicino, lo spero davvero tanto.
So bene che se deve nascere qualcosa di vero niente può ostacolarlo, ma ho già paura di perderti, pensa un po’, prima ancora di appartenerti…
Tutto questo per dirti che c’è un cuore adesso vicino al tuo; è lì che prova a muovere i primi passi con te, al buio, completamente buio pesto, ma se ha buon istinto troverà qualcosa di prezioso.
Questo è quello che susciti in me, e a prescindere da tutto te ne ringrazio, perché mi stai regalando dei momenti bellissimi, come questo con me stessa.
Buonanotte.”


Buonanotte a te Ale. La mia sarà invece una notte d’irrazionali rimpianti.
Nessuno ci crede, ma grazie al mio masochismo emotivo queste notti riescono anche a piacermi.

posted by Rendal at 22:17

[ <- BACK HOME <- ]

[ SCRIVI UN COMMENTO]

Comments for A volte capita che mi odio
Sei sempre stato così. Uno che non si lascia perdere un singolo pensiero, uno raro... non lo so, ssarà che sei particolare, forse sincero e basta, fatto sta che mi piace questo tuo modo di essere. E dall'altro lato lo comprendo in pieno, quell'animo da artista, da sognatore, da...da cosa? In realtà non potrei descriverti, ih ih... Spero però, con tutto il cuore, che tu possa tornare ad essere sereno e a vivere intensamente un nuovo amore. Non colpevolizzarti troppo (mi sa di retorica questa frase!).

Un bacione grande

Urdi ;D

P.s. Renditi conto che tra poco piglierò la patente XD <- t'ho fatto ridere eh?!

Urdi... cosa ti devo dire? Non lo so neanche io, adesso non le trovo parole adatte per descrivere quello che ho provato leggendo le tue... Sarebbe più eloquente una webcam che riprenda il sorriso ebete da cretino che ho stampato in faccia adesso. Sul serio.

Ti dico "GRAZIE!", ma è troppo vuoto e freddo. Non rende l'idea. Queste cose mi emozionano. Forse la tua frase doveva finire così: "quell'animo da artista, da sognatore, da.... DA CRETINO!" :P

Grazie grazie grazie
Ricambio il bacione grande ^^

P.S: la patente?? motivo in più per non venire mai dalle tue parti... :P

Tu a volte mi assomigli molto, almeno nelle parole, perché ultimamente non riesco mai a capire se davvero la gente mi somigli o se sia solo io che prendo dalle parole degli altri la parte più simile a me.
Fatto sta che spesso mi sento in colpa per cose impossibili da comandare, ma io da me le pretendo, io dovevo essere perfetta per non far soffrire qualcun altro, perché alla fine la cosa che mi fa soffrire di più è sapere che qualcuno soffre per colpa mia.
Non deve succedere, e non importa se non potevo evitarlo, io dovevo evitarlo.
Però per anni questo modo di essere mi ha portata ad assecondare gli altri in tutti i modi a me possibili, per provare a non deluderli mai, e ci ho messo un po' a capire quanto fosse peggio.
Non mi consola, nei momenti in cui mi sento in colpa, perché sono momenti di estrema irrazionalità, ma mi consola in tutti gli altri, perché essere completamente trasparente mi dà un senso di tranquillità, per me e per gli altri.
Non rileggo perché sennò mi rendo conto che non si capisce un cazzo e lo cancello.
:*

Caro Fabrizio, ti ringrazio davvero molto per essere passato nel mio piccolo mondo e per avermi lasciato delle parole così belle ma SOPRATTUTTO per avermi condotto a questo tuo splendido blog. Mi è bastato leggere qualche tuo post per ritrovare sensazioni molto familiari e poi, quando ho visto sul tuo profilo che sei anche tu uno scorpione, mi è diventato tutto chiaro eheh

Sai che è strano ma leggendo questo tuo ultimo post mi sono ritrovata molto sia in quello che provi tu ora, sia in quello che prova quella ragazza. Eh sì, perchè in passato ho dovuto ferire una persona che non ricambiavo. A volte penso che sono una stupida a lasciarmi sfuggire così delle persone ma, come dici tu, non c'è un interruttore per innamorarsi e non si può comandare il cuore contro la sua volontà. E fingere non fa per noi, vero? ;)
E allo stesso tempo capisco benissimo cosa prova quella ragazza e provo per lei molta ammirazione: ha avuto il coraggio di fare quello che io non ho saputo fare, ovvero scrivere quella lettera. Mi sono tenuta dentro i miei tormenti e ora non saprò mai come sarebbe andata. Ho avuto troppa paura del rifiuto e soprattutto di rovinare una bella amicizia.

E dopo tutto questo papiro megagalattico ti lascio un bacio dai colori del crepuscolo primaverile :) Mi piacerebbe linkarti se non ti dispiace, così non ti perdo nei meandri del web ;)

Un grande abbraccio e grazie ancora, sei uno splendido poeta!
Elb/Claudia

p.s. beato te che stai nelle Marche!! E' una regione che adoro!!

Giulia, credo di aver capito... Sbaglio o forse si sta concretizzando una paura che avevi già un po' di tempo fa e di cui parlammo in msn? E' la prima cosa a cui ho pensato subito dopo il tuo sms... Spero di sbagliarmi, ma resterò in agguato per beccarti online e parlarne in tempo reale... Adesso sei "non al computer" :\ :**

-

Claudia, grazie grazie grazie. Troppo gentile :) Razionalmente si, sono d'accordo: MAI fingere, anche a costo di perdere una persona importante. Meglio così che tenersela vicina mentendo... Mi sentirei troppo uno stronzo ^^
Per quanto riguarda invece le "potenziali occasioni perse", io non ce la farei mai a non manifestare quello che provo... E' troppo grande la paura di finire nel vortice del dubbio. Il dubbio, appunto, di aver perso l'attimo buono, e continuare a chiedersi come sarebbero andate le cose se avessi agito quando potevo... Sarebbe una spirale per me fatale, non ne uscirei più... Fatico già così, ad uscire da situazioni per le quali sono convinto di aver fatto tutto il possibile, pensa cosa sarebbe il contrario... :P
Linkami pure, io l'ho già fatto senza il tuo permesso :P

E hai fatto benissimo!! ^_^ Ti ho linkato finalmente. Ho il pc che dà i numeri! Buon weekend e buona Pasqua se la festeggi!

Un bacione!

Claudia

ciao..
ho letto il commento che hai lasciato nel mio blog solo oggi.é un po' che non scrivo..forse perchè non ho molto da dire,forse perchè ql che ho da dire è sempre uguale..e penso che leggermi a volte possa anche stufare..
vengo qui,dove scrivi tu..e leggo il tuo ultimo post.e mi rendo conto che la sincerità spesso fa sentire in colpa,ma rimane sempre la migliore "arma" che abbiamo a disposizione per costruire o distruggere qualcosa.
é capitato anche a me di sentirmi inadeguata,quasi stronza,per non essere stata in grado di corrispondere dei sentimenti..ma poi penso di essere stata molto grata a chi a sua volta mi ha detto chiaramente di non corrispondere i miei..ci sono stata anche male,ma credo sempre che essere se stessi nel bene e nel male sia l'unica via da percorrere per vivere e non lasciarsi vivere..
a presto

Claudia, grazie mille per il link ^^ E grazie anche per gli auguri, che sono oramai in ritardo per ricambiare... Purtroppo si, la pasqua la festeggio :P
Se il tuo pc da i numeri giocali al superenalotto.
Ok si, era una battuta pietosa...


-

Elena, ciao! :)
Capisco la tua paura di stufare chi ti legge... Ce l'ho anch'io... La fortissima impressione di essere monotematico, di dire sempre le stesse cose ma con parole diverse, di esprimere sempre gli stessi concetti, la stessa malinconia... E probabilmente è vero, è così. Cambiano lettere e metafore, espressioni di quello che sento e che sembra non cambiare mai... Però chissenefrega: chi si annoia se ne vada, chi non si annoia resti pure (e complimenti per il masochismo! :P).
Inutile dire che concordo completamente con il discorso dell'onestà, anche se purtroppo soltanto una ragazza è stata così trasparente da dirmi tutto e subito... In tutte le altre occasioni sono stati silenzi e mezze verità, frasi ambigue e parole di carta dietro le quali nascondersi... La verità spesso fa male, ma dover combattere e soffrire anche per riuscire a scoprirla è doppiamente doloroso ^^
Grazie per la visita, torna pure quando vuoi se non temi la noia :P

certo che mi puoi linkare,è un onore ;)
anzi..farò la stessa cosa!
e tornerò a trovarti..
spero lo farai anche tu:)
ciao..
  • Posted at 15:07 | By Anonymous elena